Claviers

Sotto un cielo azzurro, quale un segreto circondato da olivi, Claviers è un villaggio inerpicato che ha saputo conservare la languidezza provenzale. Vicoli scoscesi e passaggi coperti rivelano i ritmi della vita provenzale di un tempo.

Lo stemma del XVII esimo sec., azzurro con due chiavi d’oro sospese insieme ad un anellino d’argento, protrae oggi l’idea delle chiavi di un segreto circondato da olivi sotto il cielo blu della Provenza.
Un segreto fatto di incanto, di storia e di patrimonio : un villaggio inerpicato nominato Claviers.

Da vicoli a piazzette, all’ombra dei bagolari o dei platani, venite ad assaporare l’atmosfera irripetibile di una località che ha saputo mantenere tutta la sua autenticità.

STORIA & PATRIMONIO

 

Claviers, ricca di storia


Si trovano tracce del neolitico (età del ferro) e dell’epoca gallo-romana a Claviers.
Sin dal 1026, viene segnalata l’esistenza di un castro feudale e di una cappella, il villaggio essendo circondato da 1000 metri di bastioni. Nell’ XI esimo sec., Isnard da Claviers donò la propria signoria ai prevosti di Fréjus i quali conservarono questo villaggio fino alla Rivoluzione. Nel XIII esimo sec., il villaggio essendo diventato troppo piccolo, verrà costruita una nuova chiesa , fuori dei bastioni : l’attuale chiesa parrocchiale.
Nel 1592, godendo della fiducia del re, Claviers venne munita di una guarnigione “leale” di archibugieri. Dopo aver sostenuto vari assedi, villaggio e castello furono distrutti.
All’imbocco dei vicoli caratteristici del villaggio anticamente fortificato, si scoprono vecchie dimore con portoni scolpiti, portici in pietra ed archi a tutto sesto. Risalendo una ‘calade’ (via ripida acciottolata), si giunge alla cappella signorile dell’XI esimo sec. di San Silvestro che funge attualmente da luogo di esposizione. La chiesa parrocchiale del XIII esimo sec. ospita un mobilio protetto di bellezza assoluta. Da vedere anche, andando a zonzo per le piccole vie, il lavatoio comunale datato al 1899.

NATURA & TERRITORIO


Claviers è un villaggio provenzale dell’alto paese varois, tuttora preservato. Edificato su un crinale roccioso, è circondato da colline coltivate a olivi e incorniciato da foreste di lecci e pini.
Nel 1835, gli abitanti di Claviers erano in 1150. Traevano le proprie risorse dall’agricoltura (viti e
olivi).

La carte