Lorgues - La campagna di Pey-Cervier

Accesso : da Lorgues, imboccare la strada dipartimentale D 562 in direzione Carcès. 2 chilometri dopo l’uscita di Lorgues, girare a destra “frazione di Saint-Jaume”.
• Parcheggio : Piazzetta della frazione pur avendo cura di non dar fastidio ai residenti.
• Risalire la via per 30 mt. e girare a destra imboccando la cosiddetta “Traverse de la Douce”.
• Proseguire su questa strada serpeggiante tra ville e viti.
• Dopo circa 1000 mt., girare a sinistra sulla pista cosiddetta “Dolmen di Pey-Cervier”.
• Costeggiare il podere cosiddetto della Rose Trémière (malvone).
• Proseguire su questa pista per 1200 mt. e ad una sommità dove si trova una cisterna, prendere a sinistra la pista cosiddetta “Le Palet”.
• Passare davanti ad un ripetitore per televisione e proseguire fino al pannello informativo del dolmen.
• Prendere di nuovo la strada ombreggiata e in discesa.
• All’altezza di un trasformatore dell’E.D.F. (equivalente dell’Enel), prendere lo sterrato a sinistra che raggiunge dopo 200 mt. una strada.
Seguire questa strada per 900 mt. per tornare alla frazione.

Se non siete contenti, andate a Lorgues ...

Secondo il detto :  “Que sara pas countèn, vague à Lorgo”.
Se non siete contenti, andate a Lorgues. Alla scoperta del territorio : una città provenzale circondata dalla campagna, dei vini rinomati, una cooperativa olivicola, un dolce miele locale e un grande mercato ogni martedì, la felicità si trova indubbiamente a Lorgues. Riguardo al patrimonio : la città vecchia di Lorgues vi invita alla visita da vicoli a vestigia medievali e pietre scolpite templari. Una “passeggiata urbana” da non perdere per nessuna ragione.

Il nome di Lorgues ...

Oltre 1000 anni di storia e un nome, Lorgues, risalente a oltre cinque secoli.
La traccia di un passato romano rimane fino alla fine del decimo secolo con la “Villa Ionicus”, poi all’epoca dei castelli medievali sorge “Castrum di Lonicis” verso il 1200.
Nel 1478 ci perviene, poco prima dell’annessione della Contea di Provenza al regno di Francia,  il nome di “Lorgues” in quanto città comitale.
Si trovano sullo stemma della città un leone simbolo della forza e un cane raffigurante la fedeltà.

Madonna di Ben Va

A pochi passi da “Pey Cervier”, vicino alla frazione cosiddetta ‘Salettes” si nasconde un autentico tesoro .

Sotto il nome di "buon viaggio”, una cappelletta del XV esimo sec. isolata in campagna presenta affreschi unici in tutto il dipartimento del Var.

Il portico, le volte ospitano raffigurazioni di santi quale Santo Cristoforo protettore dei viaggiatori,
ma anche della Vergine, di un animale “fantastico” e di quattro evangelisti.
L’interno è notevole e viene aperto al pubblico ogni giovedì in stagione estiva dalle 10 alle 12 e dalle 15 e 30 alle 17.