Trans en Provence - La Darboussière

• Accesso tramite la strada dipartimentale D54 in direzione Draguignan.
• Dal parcheggio, imboccare il sentiero che sale nella collina boscosa per raggiungere una pista.
• Prendere questa pista a destra fino a raggiungere una cisterna. Lasciare la cisterna sulla sinistra e prendere la pista che scende a destra per raggiungere una pista più larga.
• Prendere la pista a sinistra in lieve salita, poi lasciare la pista e prendere a destra un sentiero che ridiscende e raggiunge un incrocio di 3 sentieri Punto A.
• Prendere a destra e proseguire la discesa fino alla sterrato più largo. Prendere lo sterrato a sinistra fino ad una curva a gomito, girare a sinistra e seguire lo sterrato in salita per raggiungere
su un altopiano l’incrocio di 4 sentieri Punto B. Proseguire dritto per giungere ad una pista larga.
• Prendere questa pista a destra fino ad un crocevia dove si trova di nuovo la cisterna.
• Lasciare la cisterna a sinistra per prendere la pista che ridiscende sulla destra e giungere in fondo al vallone, prendere a sinistra e risalire il corso d’acqua per 25 mt., girare a sinistra e prendere il sentiero che sale dritto nella foresta per raggiungere l’altopiano e proseguire il sentiero fino alla pista.
Girare a destra per trovare di nuovo la pista di partenza poi prendere a sinistra e scendere nella foresta per raggiungere il parcheggio.

Trans en Provence

Trans-en-Provence vi offre l’opportunità di una sosta in un villaggio e in mezzo alla natura, nel paese
delle cicale e dell’olivo. Nel centro, fontane e terrazze invitano al “dolce far niente”.
La natura rimane presente e ampie aree di gariga sono da scoprire facendo un’escursione sul sito della Darboussière.

Profumi di gariga e pini d’Aleppo

Profumi di gariga

Il timo, conosciuto da tutti, è ricco tanto di storia quanto di virtù.
Dall’antichità, Egizi ed Etruschi lo utilizzavano per imbalsamare i loro defunti ; i greci lo facevano bruciare come l'incenso e i Romani ne facevano cosmetici.
Oggi, il timo viene utilizzato come infuso per aiutare a calmare la tosse secca o la bronchite,
per alleviare le digestioni difficili. Usato per gli sciacqui, allieva le infiammazioni delle gengive.

I pini d’Aleppo

In ogni stagione, i pini d’Aleppo coprono di un manto verde le nostre colline.
Principale conifera mediterranea, è perfettamente adatta alla siccità ed ai suoli poveri.
Di un’altezza che può raggiungere 25 mt., la sua corteccia è “argentea”, gli aghi sono sottili e la cima è piuttosto chiara.
“Goloso” di sole, l’albero guarda per intero alla luce fino a trovarsi a volte in posizioni che sfidano le leggi dell’equilibrio ...